!-- Menù Orizzontale con Sottosezioni Inizio -->

News

mi piace

sabato 21 aprile 2018

INCONTRO




di Milena Boldi 



Guardo la mia immagine riflessa allo specchio: ho quarant’anni, capelli e occhi castani, un fisico ancora attraente che cerco di curare al meglio andando in piscina e in palestra, gambe lunghe e ben fatte, di cui vado orgogliosa.
Sono soddisfatta di me.
Da qualche mese ogni martedì parto da Lecco col treno per seguire un corso di scrittura creativa a Milano.
Sul treno noto un signore che attira la mia attenzione: distinto, legge sempre il giornale senza guardarsi intorno. Alza gli occhi solo per esibire il biglietto. 
Rialza gli occhi dal giornale quando, giunti in stazione centrale, si deve scendere.

mercoledì 18 aprile 2018

“Oltre e un cielo in più” di Luca Sciortino. Recensione di Tiziana Viganò.




(Sperling & Kupfer edizioni, 2018)






























di Tiziana Viganò

Luca Sciortino ha quarantasette anni, è un filosofo, giornalista e scrittore di successo, ma sente l’inquietudine del vivere in una società che gli va stretta: una vita sedentaria, oppressa dalla routine, da mille regole e costrizioni, i rimpianti per le possibilità irrealizzate lo soffocano. Davanti però ha le opportunità che si offrono a chi si mette in cammino, un viaggio che lo apre alla scoperta di un mondo che desidera conoscere nelle sue facce multiformi e nello straordinario che si manifesta ovunque.
“L’inizio del viaggio è essere infedeli a quello che eravamo”.
Perché se da un viaggio di ricerca si torna sicuramente diversi da come si è partiti, si comincia a cambiare fin dal momento in cui si è già proiettati verso una partenza guidata dal caso e dalle stelle.

Così, il 15 luglio 2016 parte dall’isola scozzese di Skye, pensando a un itinerario che lo condurrà fino a Tokyo, la sua Itaca.
Pensando, non progettando, perché decide di cogliere i momenti man mano che si presentano, viaggiando lentamente per assaporare ogni particolare, senza prendere aerei che non permettono di conoscere la realtà che esiste tra un punto e l’altro del globo, acquisendo informazioni giorno dopo giorno  perché
“La strada la fai andando”.

domenica 15 aprile 2018

SE FOSSI…


di Sandra Romanelli


Se fossi una persona diversa da ciò che sono, vorrei che una magìa potesse trasformarmi, per un certo periodo, in un aviatore. Avrei il mio aereo privato e lo userei per scorrazzare per il cielo e per conoscere da vicino i cinque continenti.
Vorrei iniziare a esplorare le bellezze del mondo e scoprirne i segreti.

giovedì 12 aprile 2018

Quando sarai nel vento, di Gianfranco Di Fiore

(a cura di Mimma Zuffi)

Quando sarai nel vento, di Gianfranco Di Fiore è il candidato 66thand2nd al Premio Strega



La Fondazione Bellonci ha ufficializzato i nomi dei candidati al Premio Strega 2018.
Tra i quaranta titoli c’è anche Quando sarai nel vento, il romanzo di Gianfranco Di Fiore uscito il 22 marzo per 66thand2nd.
Pubblichiamo qui le parole con cui Marcello Fois ha segnalato QSNV al Comitato direttivo del Premio, e di seguito quelle di Diego De Silva, che in maniera altrettanto appassionata ha mandato alla giuria la sua segnalazione.

“E’ un’opera letteraria straordinaria, che attraversa luoghi del mondo e della mente come solo la grandissima scrittura sa fare. E’ il resoconto del viaggio di Abele dentro e fuori da sé. Bianco, Rosso, Blu e Giallo sono le quattro parti che compongono questa storia sterminata e semplice. Ci sono libri brevi che paiono ponderosi e libri ponderosi che scorrono in un attimo perché raccontano solo quanto necessario. Non è una partita facile far scorrere così lievemente una storia tanto complessa.

L’ALTRA MOGLIE, di Kerry Fisher


(a cura di Mimma Zuffi)
Edizioni Nord - pagg. 350 - € 18,00

ARRIVA IN ITALIA IL ROMANZO CHE HA STREGATO 250 MILA LETTORI SOLO IN INGHILTERRA

Per Maggie, una madre single che non ha mai avuto una relazione stabile, il matrimonio con Nico è un sogno. Anche perché finalmente farà parte di una vera, grande famiglia. Suo marito infatti vive nella casa di fronte a quella del fratello Massimo e a pochi passi dalla madre, considerata da tutti il loro nume tutelare. Eppure è proprio lei ad accogliere Maggie con estrema freddezza. Invece di vederla come la persona che ha aiutato Nico a superare la morte della prima moglie Caitlin, la giudica un indegno rimpiazzo. Perché Caitlin era più sofisticata, più bella e certamente più adatta a Nico. Maggie se lo sente ripetere così tante volte che inizia quasi a crederci. Finché non trova un fascio di lettere nascoste in soffitta, lettere scritte a Caitlin da un uomo che non era suo marito. E allora cambierà ogni cosa…

LE MIE GALLINE E IO, di Isabella Rossellini

(a cura di Mimma Zuffi)

Jaca Book- pagg. 112- € 22.00


Con l'arrivo di uno scatolone di cartone, pieno di fori per l'aria, Isabella pensava di accogliere nella sua fattoria trentotto pulcini gialli e invece i nuovi nati erano un misto di razze diverse.
Inizia così una storia appassionante: Isabella si mette a studiare l'origine e il comportamento di ognuna di loro. Sapevate che l'allevamento delle galline risale a diecimila anni fa e che le galline comunicano con i loro pulcini prima che escano dall'uovo? Sapevate che le galline sono tutt'altro che stupide? Che sanno contare, prevedere il futuro e hanno mille modi per comunicare fra di loro e con noi?...




LA VOCE DELLE COSE PERDUTE , di Sophie Chen Keller


(a cura di Mimma Zuffi)
Edizioni Nord - pagg. 336 - € 18,00
ebook € 9,99

«Più insisti a cercare, più è probabile che inciamperai
in qualcosa d’inaspettato.»

Walter odia le parole. Soffre di un disturbo che gli impedisce di articolare bene i suoni e, un giorno, stanco delle prese in giro dei coetanei, ha smesso di provarci. Ha deciso di chiudere la bocca e aprire gli occhi. Adesso, a dodici anni, Walter osserva e nota cose che sfuggono alla maggior parte delle persone, distratte da chiacchiere inutili. Ed è diventato bravissimo a ritrovare le cose perdute. Ecco perché, quando il libro della madre scompare, lui si lancia nella ricerca con l’aiuto del suo unico amico, Milton, un Labrador grassoccio e intraprendente. 

LA DONNA SENZA RICORDI, di Cesca Major

(a cura di Mimma Zuffi)
Tre60 - pagg. 360 - € 17,50
ebook € 8,99


«Un romanzo potente. Cesca Major è un vero talento.»
The Times

Un romanzo intenso e avvincente, ispirato a una storia vera: una donna e la sua storia nella Francia devastata dalla guerra e dall’occupazione nazista

1952. La guerra sembra lontana, ma le sue ferite sono così profonde che non si sono ancora rimarginate. E talvolta sono invisibili, come quelle di Adeline: otto anni prima, le suore del convento di Santa Cecilia, nel sudest della Francia, l’hanno ritrovata, ferita e sconvolta, in aperta campagna. Da allora, la donna si è chiusa in un silenzio impenetrabile. Adeline però sembra in attesa di qualcuno. Ma di chi? E perché?

Il libro che non volevo scrivere, di Erwan Larher

(a cura di Mimma Zuffi)
Ponte alle Grazie pagg. 254 - € 16,00
IN UN LIBRO DAVVERO SPECIALE
L’UNICO SCRITTORE PRESENTE (E FERITO) AL BATACLAN
RACCONTA L’ATTACCO A PARIGI DAL SUO PUNTO DI VISTA…


PARIGI: BATACLAN, 13 NOVEMBRE 2015
LA LETTERATURA RACCONTA IN PRIMISSIMA PERSONA
L’ATTACCO TERRORISTICO AL CUORE DELL’EUROPA

Un’esperienza personale dolorosa, una prova di grande talento letterario, una riflessione profonda sulla vita

Paragonato dalla stampa francese a Emmanuel Carrère,
Jonathan Safran Foer e Truman Capote


Al Bataclan c’è un solo scrittore: Erwan Lahrer,
che riceve nel corpo due pallottole di kalashnikov. Sopravvive e fa della propria storia un indimenticabile «oggetto letterario»: un caso unico, per forma
e contenuto, nella letteratura recente.


«Sono un romanziere. Invento storie.
Trame. Personaggi. E, spero, una lingua.
Per dire e interrogare il mondo, le cose umane.
Mi è capitata una disavventura, e per il romanziere
che divide la sua vita con me si è trattato di un guaio:
una sera parigina di novembre, mi sono trovato
al posto sbagliato nel momento sbagliato;
e lui con me».

Non ho paura di morire, di Diego Dalla Palma Alessandro Zaltron


Un maestro di stile e di bellezza racconta in forma di romanzo

l’inesorabile trascorrere del tempo e il rapporto con l’ora ultima,
scoprendo il senso vero della vita
che spesso sembra sfuggire in un mondo dominato dall’apparenza.

Un libro coraggioso,
una riflessione a cuore aperto e personalissima
sulla vecchiaia, sulla morte e sulla bellezza
come forma di vita autentica


Lunedì 23 aprile la presentazione-evento a MILANO TeatroFilodrammatici

Invito Dalla Palma, Zaltron - 230418 jpeg.jpg

IL LIBRO

Una partita a scacchi con i sentimenti dove è in palio la sopravvivenza

Valerio, attore di teatro di grande successo, è malato di vita.