!-- Menù Orizzontale con Sottosezioni Inizio -->

News

lunedì 22 gennaio 2018

IL VALZER DELLA SVASTICA E DELLA STELLA - parte 1

(di Alessia Ghisi Migliari)
Budapest,
Tavole dei Dieci Comandamenti vuote
perchè venne a mancare il rispetto per l'uomo
(foto di M. Zuffi)




Nazisti e Giusti fra le Nazioni negli straordinari incroci della Storia: da Freisler, Heydrich ed Eichmann fino a Wallenberg, Anger e Perlasca

PICCOLO INCIPIT
Cercando nei libri di Storia, per un romanzo ambientato durante il Ventennio, ho scoperto particolari che non sospettavo.

Vicende terribili e tenaci, fatte di eventi crudeli e persone vittime o eroiche.

E sfogliando pagine si scoprono alcuni nomi, più o meno noti, che si sono incontrati nel pieno della tempesta : individui diversissimi fra loro, che si sono incrociati per un attimo, con fini opposti o identici, per poi perdersi.

Questo breve saggio vuole essere una raccolta di sei biografie di chi, come in un valzer, ha avuto davanti a sé l’altro, e l’altro a sua volta il personaggio dopo – una danza inquietante, battaglie e frontiere opposte.

sabato 20 gennaio 2018

I 154 sonetti di Shakespeare e...

di Mimma Zuffi


Tu che mi stai leggendo non berli ingordamente. Non leggerli in una sola volta, ma assaporane ogni singola parola e che almeno uno al giorno (per 154 giorni) ti accompagni nel tuo faticoso percorso di vita.

Uno dei temi a me cari è quello del "tempo" che trovo nel numero 19, dove Shakespeare apostrofava il tempo con un' apertura drammatica, utilizzando una parola densa: "devouring". Violenza del tempo divoratore messo a confronto con elementi  violenti della vita naturale, che vengono da esso divorati. E poi che dire dell'immagine della Fenice? Nascere, morire, rinascere.


mercoledì 17 gennaio 2018

Di notte sognavo la pace, di Carry Ulreich

(a cura di Mimma Zuffi)

Longanesi - pagg. 450 - € 18,90


      In occasione del Giorno della Memoria

Di notte sognavo la pace 
L’inno pacifista di una fra le mille Anne Frank ci restituisce lo spaccato di vita
di una ragazza ebrea costretta a crescere e a formarsi nel momento più terribile del Novecento europeo.


Rotterdam; mercoledì 17 dicembre 1941
Prima del 1940 nel nostro laboratorio c’erano 17 persone, ma ormai non produciamo più confezioni, e papà lavora con una sola ragazza. Quanto durerà ancora? Gira voce che il 1° gennaio 1942 tutte le imprese tessili degli ebrei dovranno chiudere. Chissà, magari pure noi, anche se papà è sarto, solo che abbiamo un po’ di stoffe e probabilmente (anzi, credo quasi sicuramente) i crucchi le useranno come scusa.

IL GIOCO BUGIARDO, di Ruth Ware

(a cura di Mimma Zuffi) 
Corbaccio . pagg. 420 - € 17,90

MERCOLEDÌ 17 GENNAIO - ORE 18.30
MILANO - MONDADORI MEGASTORE - P.ZZA DUOMO, 1
Incontra il pubblico e firma
le copie del libro

 Dopo L’invito, che diventerà presto un film prodotto da Reese Witherspoon
arriva in Italia il nuovo atteso romanzo di un’autrice da 1 milione e mezzo di copie vendute nel mondo
subito bestseller del New York Times.

Eravate in quattro.
Avevate giurato di dirvi la verità.
Solo adesso hai scoperto
che tra voi c’è chi mente da sempre

 «Crediamo di poter diventare persone diverse, di poter cambiare vita, ma liberarsi del passato è molto più difficile di quel che pensiamo...»
Il messaggio arriva in piena notte. Solo quattro parole: «Ho bisogno di voi».
Isa saluta il marito, prende con sé la figlia di sei mesi e si precipita nella cittadina costiera di Salten, sulla Manica, dove aveva trascorso gli anni del liceo.

I SEGRETI DI MIA SORELLA di Nuala Ellwood


(a cura di Mimma Zuffi)

Casa editrice Nord - pagg. 352 - € 18,60
Traduzione: Francesca Toticchi


«Un romanzo raffinato e intenso
dal cuore nero come il male.»
The Guardian

IN CORSO DI TRADUZIONE IN TUTTA EUROPA

Due donne. Due storie.
Una verità.

È notte quando Kate arriva in stazione. Sua sorella Sally non è venuta a prenderla e, forse, è meglio così; Kate non avrebbe avuto la forza di affrontare l’ennesimo litigio. Dopo gli ultimi mesi trascorsi in Siria come corrispondente di guerra, ha già accumulato troppi brutti ricordi. E incubi. Ecco perché, mentre è a letto nella vecchia casa di famiglia, Kate pensa che il grido disperato che l’ha appena svegliata sia frutto della sua immaginazione. 

CAPORETTO ANDATA E RITORNO, di PAOLO PACI

(a cura di Mimma Zuffi)

Corbaccio - pagg. 238 € 19,60

1917-2017
A cento anni dall’anno cruciale per l’Italia, per l’Europa e per l’Occidente,
un libro su Caporetto e la memoria moderna

Un viaggio sentimentale dall’Isonzo al Piave

«La guerra è tra di noi. Vicina, vicinissima, anzi sotto casa. È una guerra di un secolo fa. Dopo, ci sono state altre guerre, perfino più devastanti. Eppure nessuna si è impressa nella memoria (collettiva, familiare, individuale) quanto quella guerra. La prima guerra mondiale.»
Dove si trova Caporetto? Pochi lo sanno. Il villaggio nella valle dell’Isonzo, oggi conosciuto con il nome sloveno di Kobarid, è un buco nero della geografia e della storia d’Italia. 

Toni Negri Galera ed esilio, di Antonio Negri e Girolamo De Michele

(a cura di Mimma Zuffi)

Ponte alle Grazie - pagg. 448 - € 19,50 

Un’autobiografia intellettuale  e sentimentale senza precedenti.
Il racconto di una vita, di un pensiero,
di una generazione, di una stagione di lotte
non ancora conclusa.

«C’era il desiderio di mantenere una verità che altrimenti sarebbe stata dispersa, e una lettura del destino politico della mia generazione altrimenti falsificata. C’era stato  un senso forte di quella storia che dovevamo difendere – tanta fatica ci avevamo messo a costruirla. Tanta potenza quella nostra passione aveva prodotto e poteva ancora  produrre. Oggi, vorrei provare a raccontare».
Toni Negri


Il 7 aprile 1979, Toni Negri e tanti suoi compagni vengono arrestati in nome di un teorema giudiziario – il celebre «teorema Calogero»: i «professorini» che guidavano Autonomia Operaia erano i capi occulti del terrorismo brigatista – che la storia e i processi smentiranno completamente. Negri fu fra le principali vittime di questa persecuzione, che venne presto percepita come tale da ampi settori dell’opinione pubblica nazionale e internazionale. 

ULTIMO DOMICILIO CONOSCIUTO Tredici storie sulle Pietre d'inciampo

(a cura di Mimma Zuffi)
Morellini Editore - pagg. 256 - € 14,90
Il libro è a cura di Andrea Tarabbia
di Bottega Finzioni - Bologna
con testi di Vanni J. Balestra, Laura Ballestrazzi, Antonio Bria, Silvia Cadonici, Ferdinando Cerrato, Mattia Frigeri
e Stefano Accorsi, Leonardo Foriglio, Agnese Gorgolini, Antonella Gullotta, Michele Monni, Silvia Pelati,
Eugenia Ragnoli e Andrea Settembrini
Tredici racconti per riportare alla memoria
le vittime reggiane della Shoah,
incise per sempre dall'artista Gunter Demnig
nelle Pietre d'inciampo
 

La terra che calpestiamo, di Jesús Carrasco

(a cura di Mimma Zuffi)

Ponte alle Grazie - pagg. 176 - € 16,00


Il nuovo romanzo di Jesús Carrasco, dopo l’esordio capolavoro Intemperie, è un libro altrettanto potente e necessario, con cui Ponte alle Grazie è fiero di inaugurare la narrativa straniera del 2018.
Il punto di vista femminile che adotta l’autore, uno sguardo ostile e insieme curioso, sospettoso e al contempo attraversato dal senso di colpa, racconta/inventa la storia del “nemico” attraverso i fantasmi di questa figura umiliata e offesa che gli si presenta alla porta e si pianta lì nel suo giardino: una trovata molto forte e originale per evocare l’orrore della guerra e del colonialismo in un modo indiretto, stimolante e profondo. La terra che calpestiamo è la nostra, e questo scrittore descrive da par suo modo il rapporto di minaccia/attrazione per lo straniero che ci riguarda da vicino.

IL NOSTRO TEMPO NEL MONDO, di Abby Fabiaschi


(a cura di Mimma Zuffi)

Casa Editrice Nord - pagg. 368 - € 16,90



Maddy aveva una vita serena. Era una moglie amorevole e una madre meravigliosa, il pilastro della famiglia. O almeno così credevano Brady, il marito, ed Eve, la figlia, prima che Maddy si gettasse dal tetto della biblioteca. Adesso, nessuno dei due sa cosa pensare. E poi Brady non ha idea di come mandare avanti una casa, né tantomeno come comunicare con la figlia adolescente. Anche per Eve non è facile avvicinarsi al padre e nemmeno convivere col senso di colpa per tutte le volte in cui, per egoismo o superficialità, non ha dimostrato alla madre l’affetto che meritava.